Con gli occhi di bambino, lo sguardo dell’infanzia sul terremoto

Al Centro dell’infanzia ‘Il Glicine’ in viale Martiri della Resistenza si tiene, giovedì 30 novembre alle ore 17.30, la mostra fotografica “Con gli occhi di bambino – lo sguardo dell’infanzia sul terremoto“.
 
La mostra fotografica, itinerante sul territorio italiano, è stata concessa gratuitamente dall’azienda agraria La Quercia della Memoria, che gestisce l’Agrinido della Natura-Agrinfanzia di San Ginesio, gravemente colpito dagli eventi sismici del 2016 e 2017.
 
Il viaggio della mostra ha origine dal bisogno di vedere, di non negare ma di dare un nome e un significato a ciò che è stato di legittimare il trauma e sviluppare consapevolezza. Nel suo essere dinamica e complessa, pur nell’immediatezza delle foto, mette in luce aspetti non solo legati dal terremoto, ma racchiusi in quella che è la storia della crescita, dei processi di sviluppo e abbracciando i temi quali la costruzione dell’identità, l’alfabetizzazione emotiva, l’abbandono, mette in luce la possibilità di riflette sull’infanzia e sulla capacità dei bambini di creare valore in tutte le loro esperienze.
 
Le foto scattate dai bambini più grandi, nelle loro passeggiate attraverso i luoghi limitrofi al servizio, rappresentano una testimonianza di sguardi sul territorio che colgono segni, evoluzioni e quotidianità.
 
La mostra è fruibile da bambini, ragazzi, di diversi ordini di scuole, oltre a studenti universitari, insegnanti ed educatori. Nei giorni di apertura pomeridiana si terranno i Laboratori di manipolazione per i bambini da 0 a 6 anni.
 
La mostra sarà visitabile fino a sabato 9 dicembre secondo i seguenti orari:
• 1, 4, 5, 6 e 7 dicembre dalle 17.00 alle 19.00
• il 2 e il 9 dicembre dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 19.00.
 
Info: 0743.218732 – 0743.220050 | email: mariapaola.fedeli@comunespoleto.gov.it

Related Posts

Si è spento Virgilio Massani, con lui se ne va una Spoleto in bianco e nero che aveva saputo fermare nei suoi scatti. FOTOGALLERY
“Spoleto d’inverno” porta in città grandi nomi del cinema e della letteratura
Spoleto riscopre la sua anima longobarda

Lascia un commento