Depotenziamento laboratorio analisi, il Pd di Spoleto ribadisce le sue richieste sull’ospedale

Riceviamo dal Partito Democratico di Spoleto e pubblichiamo:
Le richieste di dimissioni del consigliere Mancini da parte di tutta l’opposizione (che confermiamo) hanno purtroppo portato alla non giusta evidenza della nostra richiesta al sindaco, interamente volta alla difesa del San Matteo degli Infermi.
A maggior ragione oggi, alla luce delle nuove vicende sul depotenziamento del laboratorio di analisi di Spoleto, torniamo a ribadire con forza le nostre richieste di una settimana fa al sindaco:
1) convocazione di una conferenza dei capigruppo per un confronto con i vertici tecnici dell’asl e con l’assessore regionale Barberini;
2) convocazione di un consiglio comunale aperto sul tema dell’ospedale; con l’apertura di un tavolo con gli attori coinvolti (sindacati, regione, asl e associazioni) per discutere del ruolo futuro del San Matteo degli Infermi nell’ambito del nuovo assetto regionale in vista dell’imminente pubblicazione del piano sanitario;
3) nessuna delega da parte del sindaco per questioni così importanti, ma la presenza del primo cittadino agli incontri;
Queste erano e restano oggi le nostre richieste prioritarie.
Questioni intercomunali come la sanità non possono essere risolte solo a livello locale, è fondamentale la presenza, il confronto e l’impegno sia del Sindaco che dell’Assessore di competenza.
Partito Democratico di Spoleto

Related Posts

Pd Spoleto lavora a richieste da presentare in Regione, fra le priorità lavoro e ricostruzione
Linee programmatiche di mandato, l’opposizione: “Responsabili e non strumentali ma attendiamo i fatti”
Palatenda, Pd Spoleto al sindaco De Augustinis: “La città non è un tribunale”

Un Commento

  1. antonella

    L’Ospedale non solo subirà il depotenziamento del laboratorio, ma soprattutto vedrà l’installazione dei poct presso il pronto soccorso, che verranno utilizzati per l’esecuzione delle urgenze dalle 20 alle 8, sia dei ricoverati che dei cittadini che si presentano in pronto soccorso. I POCT sono dei sistemi analitici tipo i glucometri che abbiamo in casa, utilizzati da operatori sanitari non di laboratorio. Questi POCT sono i grado di garantire solo un pannello incompleto di test d’urgenza e soprattutto non sono sempre comparabili a quelli eseguiti in laboratorio. Ad esempio in caso di un sospetto infarto la sensibilità del test poct non è comparabile a quella del laboratorio. Questa forse è la più grande criticità della dgr 971 / 2018. Io, spoletina, certamente al Ps di Spoleto non ci vado.

Lascia un commento