Esche avvelenate nello spoletino, l’allarme di veterinari e proprietari di cani

Nei giorni scorsi sono pervenute al Comune e alle autorità competenti segnalazioni da medici veterinari e proprietari di cani, relative a sintomatologie riferibili a sospetto avvelenamento o, addirittura, a casi di decesso per sospetto avvelenamento.

Dalle testimonianze e dalle denunce è stata individuata, come possibile sito di abbandono di esche avvelenate, l’area tra Pincano – Pompagnano e la Flaminia Vecchia, con particolare riferimento al Fosso di Pincano.

Altre segnalazioni fanno presumere che, esche e bocconi avvelenati, siano presenti anche nella zona di Acquaiura.  Si avvertono pertanto i cittadini della potenziale pericolosità delle aree in questione e si consiglia di tenere i cani al guinzaglio.

Nelle more dei risultati delle analisi necroscopiche e tossicologiche, il Comune ha richiesto un’intensificazione dei controlli e apposto cartelli nei principali punti di accesso.

Gli elementi acquisiti fino ad oggi sono al vaglio delle autorità competenti che, proprio in queste ore, stanno lavorando ad una serie di ipotesi per individuare i colpevoli.

Related Posts

La Grande Guerra in Valnerina e nello Spoletino, inaugurata una mostra per non dimenticare
Crisi aziendali nello spoletino: da oggi in sciopero i dipendenti Maran, primo tavolo di confronto in Comune
Allarme aculeati nello spoletino, pompieri impegnati a rimuovere nidi di calabroni

Lascia un commento