‘Guardavo le macerie e immaginavo il futuro”, Finissage Canapa Nera alla Rocca

Domani sera, sabato 14 luglio, a partire dalle ore 21,30, avrà luogo il Finissage Canapa Nera nel Salone d’Onore della Rocca Albornoz, nell’ambito del Festival di Spoleto, serata di finissage del Progetto:

Canapa Nera – “Guardavo le macerie e immaginavo il futuro”

Parteciperanno:

Andrea Margaritelli – Presidente Nazionale INARCH
Lucio Caporizzi – Direttore Area Programmazione Regione Umbria
Paolo Belardi – Direttore ABA Perugia
Glenda Giampaoli – Direttore Museo della Canapa
Daniela Gerini – Designer
Gilda Bojardi – Direttore rivista INTERNI

Considerazioni conclusive “Ricostruire”:
Mario Botta – Architetto

“Canapa Nera” è un progetto di valorizzazione del territorio umbro, in particolare della Valnerina: l’installazione è realizzata con i frammenti recuperati dal sisma del 2016 ed è stata recentemente esposta in occasione del Fuorisalone, nell’ambito di Interni House in Motion nel chiostro centrale dell’Università degli Studi di Milano.
Un algido muro bifronte si innalza nel Salone d’Onore della Rocca per raccontare in un mix alchemico la storia di un popolo coraggioso la cui economia è pronta al rilancio. C’è il grigio, memoria della pietra urbana della Basilica di San Benedetto a Norcia, e poi ci sono i colori esplosivi della fiorita di Pian Grande di Castelluccio. Due lati di una stessa opera legati da un sottile ed emozionante filo comune. Un’installazione che viene dalla ricerca non solo scientifica, ma anche artistica.

 

Related Posts

Spoleto, grande successo per la Prima de La Traviata
Alla seduta del consiglio comunale di lunedì 24 settembre sarà ricordata la figura dell’ex sindaco Alessandro Laureti
L’Altro Forno ha riaperto i battenti in via Cerquiglia e ‘sforna’ delizie bio a Km0

Lascia un commento