La Grande Guerra in Valnerina e nello Spoletino, inaugurata una mostra per non dimenticare

E’ stata inaugurata, ieri, domenica 14 ottobre, alla sezione dell’Archivio di Stato di Spoleto, nell’ambito dell’iniziativa Domeniche di Carta, la mostra documentaria ‘Per non dimenticare la Grande Guerra in Valnerina e nello Spoletino’. Sono intervenuti, l’assessore alla Cultura Ada Urbani, il Direttore dell’Archivio di Stato di Perugia Luigi Rambotti, i curatori Paolo Bianchi, responsabile della sezione di Spoleto dell’Archivio di Stat,  Maria Paola Bianchi, funzionaria dell’Archivio di Stato e Rita Chiaverini, ispettore archivistico onorario.

La mostra, che rimarrà aperta fino al 31 dicembre 2018 per consentire la visita alle scuole e articolata in quattro sezioni (fronte interno, fronte di guerra, monumenti e Caduti), è legata alle celebrazioni del Centenario del conflitto.  L’esposizione ha come filo conduttore i documenti dell’archivio storico dei Comuni di Spoleto, Sellano, Norcia e Preci ed evidenzia come la Valnerina e lo Spoletino, seppur lontani dalla linea del fronte, hanno partecipato direttamente al conflitto con l’invio di uomini, mezzi e risorse.

All’interno della mostra sono  ricordati i Caduti e i dispersi sui campi di battaglia e sono evidenziate le emergenze sociali che i Comuni si trovarono ad affrontare in quei giorni drammatici: le difficoltà di approvvigionamento alimentare; la crisi economica; l’emergenza dei profughi provenienti dal Trentino e dal Friuli Venezia Giulia dopo la rotta di Caporetto; la presenza di prigionieri austro-ungarici utilizzati per lo svolgimento dei lavori agricoli più pesanti, le sofferenze degli orfani di guerra. L’allestimento è arricchito dall’esposizione di ‘memorie di famiglia’ di provenienza locale che sono preziose rarità poiché le medaglie al valore, i cimeli, le fotografie, i diari, le lettere consentono  di intrecciare le storie individuali con gli eventi nazionali e le vicende socio.economico della Valnerina e di Spoleto nei primi anni del Novecento. All’organizzazione della mostra  ha collaborato anche  il consorzio BIM Cascia che attraverso un progetto pluriennale da anni sta cercando di recuperare la memoria storica di questo particolare periodo storico coinvolgendo le famiglie e le scuole del territorio. Il BIM ha creato anche un ‘archivio virtuale’ visibile sul sito  www.pernondimenticarelagrandeguerra.it nel quale stanno confluendo le ricerche storiche, le memorie di famiglia, la documentazione delle varie iniziative e le pubblicazioni realizzate in questi anni.

Oltre a ciò, gli eventi del Centenario della Grande Guerra organizzati dalla sezione di Archivio di Stato di Spoleto e dal Consorzio BIM – Cascia, prevedono anche  la presentazione  di una pubblicazione specifica il 7 dicembre 2018 con la partecipazione di Egildo Spada, presidente del BIM, Luigi Rambotti, direttore dell’Archivio di Stato di Perugia e di altre autorità, docenti universitari  ed esperti del Primo conflitto mondiale.

 

Related Posts

Back To Campi, il presidente Sbriccoli accusato di abuso edilizio: “Ho solo cercato di salvare il mio paese”
Inaugurata in Valnerina struttura sanitaria donata da Conad, 500 mila euro destinati a Cascia e Norcia
Crisi aziendali nello spoletino: da oggi in sciopero i dipendenti Maran, primo tavolo di confronto in Comune

Lascia un commento