Laureti-Bececco, cronaca di un apparentamento annunciato

E’ arrivata alle 13 la conferma di quanto già era nell’aria, come da noi anticipato ieri. Camilla Laureti e Maria Elena Bececco, a capo delle rispettive liste civiche e con l’apporto del Pd di Spoleto correranno insieme al ballottaggio, alleate in quello che nelle ultime settimane ha tenuto banco come il ‘balletto’ degli apparentamenti, da cui si è tenuta fuori la coalizione di centro-destra. Ora l’orizzonte cambia, il ballottaggio ribalta i pronostici e l’alleanza di centro-destra trema, perché se è vero che la truppa capitanata da De Augustinis ha vinto di misura al primo turno ora il confronto si accende con il travaso dei voti in capo alla Bececco nella ‘botte’ della Laureti. Laureti instancabile, machiavellica, che non ha perso un colpo e ha lavorato nell’ombra come la formichina intenta a crearsi una riserva (di voti), sempre presente sui social, in pista, in bici, su un campetto di calcio, su un prato per dire che è ecologica, sportiva, amante della natura e della vita in genere, ma soprattutto di Spoleto. Un bombardamento di messaggi che non si è limitato agli slogan, uno su tutti quello del sindaco a tempo pieno palese stoccata all’avversario, ma si è focalizzato sul corteggiare l’amica ‘nemica’ e collega di legislatura Maria Elena Bececco, protagonista indiscussa di questa sfida al femminile, uscita vincente pur se fuori dal duello al primo turno e che fino all’ultimo ha giocato da jolly prendendosi la rivincita in una corsa a due che mira al sorpasso. Sul terreno degli apparentamenti il centro-destra non si è mosso di un centimetro, fedele al pragmatismo del suo paladino, chiama a raccolta gli adepti a Villa Redenta per martedì 19 ma c’è da scommettere che accusi il colpo (basso) della focosa avversaria. De Augustinis ha scelto la linea del low profile, contando su un elettorato di parte meno avvezzo al sensazionalismo, ma numeri alla mano c’è poco da scherzare se gli elettori della vice uscente, che in caso di vittoria resterà tale, svolteranno a sinistra, il suo pieno di liste più che un propulsore potrebbe rivelarsi una zavorra. E’ quanto si legge fra le righe della pagina scritta oggi.

Related Posts

Panchine ‘sguardionate’ ai giardini di Largo Moneta
Spoleto, operazione “Strade Sicure”
Bike to help, da Vienna a Spoleto a favore delle zone terremotate

Lascia un commento