PalaCroceRossa, Spoleto Popolare-Alleanza Civica: “Se si vuole recedere dal progetto lo si dica chiaro”

Sulla questione del Palatenda-PalaCroceRossa riceviamo e pubblichiamo la seguente nota a firma di Spoleto Popolare e Alleanza Civica in risposta al comunicato dell’amministrazione comunale da cui si evince il tramonto del progetto:

C’è sicuramente qualcosa che non va nell’approccio che l’attuale Amministrazione ha con le procedure e con il profilo istituzionale che deve avere un ente quando comunica con l’esterno. Altro non si può pensare leggendo il comunicato sul Palatenda.

Nelle azioni che intraprende un ente esistono atti formali che in questo caso sono costituiti tra l’altro, dalla stipula di un protocollo di intesa tra Comune e Croce Rossa Italiana. Il sindaco riesce a mettere in discussione questi atti sulla base“ di un appunto interno del Comune ”successivo alla firma del protocollo e comunque precedente a tutti gli altri atti posti in essere dalla precedente Amministrazione e dalla Croce Rossa ed indicati nella nostra interrogazione.

Ma ci domandiamo che cos’è un “appunto”? Siamo purtroppo oramai abituati a mezzi annunci, a cose dette e non dette, da parte del Sindaco. Esiste una profonda differenza tra comunicato ufficiale ed intervista, tra un atto formale ed un appunto.

Ciò che appare più grave è l’uso del condizionale in un comunicato ufficiale riguardo all’esistenza dei finanziamenti della Croce Rossa Italiana, affermazione che, inutile dirlo, deve anch’essa essere supportata da atti formali, considerata l’esistenza di un accordo scritto. L’affermazione pone poi in complessivo discredito la stessa CRI che sta pubblicizzando sul suo sito istituzionale  l’intervento al Palatenda di Spoleto con contestuale richiesta di raccolta fondi.

Dobbiamo quindi ritenere, secondo le parole del Sindaco, che la Croce Rossa, un ente che agisce sotto l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, si sia in precedenza impegnata senza nessuna serietà di intenti e oggi stia continuando a pubblicizzare un intervento che in realtà non ha assolutamente in animo di realizzare. Questa è la sintesi!

Crediamo invece che, al di là delle posizioni di parte di maggioranza e minoranza, vi siano alcune questioni dove la Città dovrebbe marciare unita per non compromettere l’interesse generale, come sicuramente è quello di giungere ad una utilizzazione del Palatenda sia come struttura sportiva sia come centro di accoglienza in situazioni di emergenza.

Se poi l’interesse principale fosse quello di recedere da un progetto anziché tentare in tutti i modi di portarlo a termine, bene, lo dica, senza che ancora una volta si sposti su qualcun altro ed in maniera, questa sì non chiara, la responsabilità di scelte politiche.

La verità ci appare purtroppo un’altra ed è che se si mettono in fila tutti i progetti messi in essere dalla precedente amministrazione appare evidente un’iperattività di quella attuale nel cercare di distruggerli tutti, essendo questo evidentemente l’interesse prevalente.

Spoleto Popolare

Alleanza Civica

Related Posts

Spoleto Popolare: “Turismo in crescita nel 2018, ma bisogna fare di più”
Palatenda, replica del sindaco De Augustinis: “Non sarà abbandonato, anzi…”
Palatenda, Laureti per Spoleto e Ora Spoleto: “E’ ora di passare ai fatti”

Lascia un commento