Premio Monini alla carriera al compositore Adriano Guarnieri per i suoi ‘primi’ 70 anni

Premio Monini alla carriera al celebre compositore Adriano Guarnieri nel giorno del suo settantesimo compleanno. Si terrà domenica 10 settembre a Spoleto alle ore 11 presso il Centro Studi Belli-Argiris – Centro di documentazione, archivio storico, biblioteca, audio e videoteca del Teatro Lirico Sperimentale, Piazza Bovio 1, la cerimonia di assegnazione del premio a cura di Maria Flora Monini in occasione della prima assoluta della sua opera Fammi udire la tua voce, composta per il Teatro Lirico Sperimentale, in scena al Teatro Caio Melisso nei giorni 8 e 9 settembre alle ore 20.30 e il giorno 10 settembre alle ore 17.00.

Il premio rappresenta un importante riconoscimento ad uno dei più affermati compositori italiani a livello internazionale, che ha scelto proprio Spoleto e il Teatro Lirico Sperimentale per festeggiare il suo genetliaco e per seguire la produzione dell’opera diretta da Marco Angius, per la regia di Federico Grazzini, coreografie di Pieradolfo Ciulli, allestimento scenico e costumi Andrea Stanisci, luci di Alessandro Carletti; protagonisti i cantanti Alec Avedissian, Annalisa Ferrarini, Federica Livi, Marco Rencinai e l’ensemble del Teatro Lirico Sperimentale composto da Maddalena Pippa violino IMargherita Pelanda violino IIRoberta Palmigiani viola, Matteo Maria Zurletti violoncelloAndrea CesaretticontrabassoArcadio Baracchi flautoGiacomo Poggiani clarinettoAntonello Cancelli, Marco EugenipercussioniMariachiara Grilli pianoforte.

Con questo Premio la signora Maria Flora e Monini rinnovano ancora una volta il suo impegno per l’arte e per la musica.

Saranno presenti per l’occasione la Presidente del Teatro Lirico Sperimentale Maria Chiara Rossi Profili, la Vice Presidente Battistina Vargiu, il Direttore Artistico Michelangelo Zurletti e il musicologo e critico musicale del Corriere della sera Enrico Girardi.

Related Posts

Si è spento Virgilio Massani, con lui se ne va una Spoleto in bianco e nero che aveva saputo fermare nei suoi scatti. FOTOGALLERY
“Spoleto d’inverno” porta in città grandi nomi del cinema e della letteratura
Spoleto riscopre la sua anima longobarda

Lascia un commento