Ricostruzione, Marini: “Pronti a partire”, Moretti (ProCiv): “Presto a Spoleto un punto informativo”

(Claudia Cencini) Il quadro normativo è definito, i finanziamenti a detta degli addetti ai lavori sono certi e, di conseguenza, nulla osta alla ricostruzione (almeno quella privata). Questo il succo del convegno di oggi pomeriggio (lunedì 22) a Spoleto, presso il chiostro di San Nicolò, indetto per fare il punto sullo status quo del dopo terremoto, alla presenza della presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, in veste di vicecommissario alla ricostruzione, dell’architetto Alfiero Moretti, dirigente ad interim del Servizio Organizzazione e Sviluppo del Sistema di Protezione Civile della Regione Umbria e del sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli e i tecnici dell’Ufficio Speciale Ricostruzione Umbria.

CARDARELLI: “FARE PRESTO E BENE, CHE L’UMBRIA SIA DA FARO PER LA RICOSTRUZIONE”

Nel suo intervento introduttivo il primo cittadino di Spoleto Fabrizio Cardarelli ha portato l’auspicio di un ritorno alla normalità, anche e soprattutto – ha tenuto a sottolineare – per quei 1300, 1400 concittadini sfollati che attendono di rientrare nelle loro case. “Abbiamo tutte le indicazioni che servono – ha detto – per ristrutturare il privato, la certezza dei tempi e gli strumenti per intraprendere l’iter delle pratiche da parte dei professionisti abilitati. “L’Umbria è in testa per la gestione dell’emergenza post sisma – ha aggiunto Cardarelli – nonostante l’iter lungo e macchinoso dovuto alla vastità del fenomeno”.

MORETTI (PROCIV): “SPOLETO AVRA’ UN PUNTO INFORMATIVO”

Pur non avendo una sede distaccata dell’ufficio speciale per la ricostruzione (ce n’è una a Foligno e una a Norcia) Spoleto avrà presto un punto di informazione che sarà ubicato in comune e nei prossimi giorni saranno assunte le annunciate quattordici nuove figure, come disposto dalla normativa, che andranno ad integrare la squadra tecnica comunale. A darne notizia è l’architetto Moretti (ProCiv) che anticipa anche un incontro sullo stesso tema, ma rivolto alle imprese del territorio pesantemente compromesse dal sisma, indetto dall’associazione Industriali per mercoledì prossimo all’hotel Albornoz.

Moretti snocciola il buono di questo modello ricostruttivo che si distingue per certi aspetti da quello del ’97 ma, a suo avviso, in chiave migliorativa, a partire dai costi parametrici che “pur di fronte a un’inflazione zero negli ultimi cinque anni e, addirittura, all’abbassamento dei prezzi, sono stati innalzati”.

“La vera novità rispetto al ’97 – ha aggiunto Moretti – sta nell’impianto finanziario, per la prima volta siamo di fronte a un meccanismo trasparente e tracciabile consistente nel credito di imposta a doppia garanzia: il beneficiario dovrà aprire un conto presso uno degli istituti convenzionati (ha appena aderito anche BPS Banco Desio) dove i contributi saranno direttamente convogliati dalla banca al committente e al professionista, da privato a privato, senza la mano pubblica”.

MARINI: “TEMPI MATURI PER LA RICOSTRUZIONE LEGGERA”

“Compatibilmente con i tempi di progettazione siamo nelle condizioni di partire con l’erogazione dei primi contributi da parte delle banche convenzionate per gli interventi sui danni lievi”. Così la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini che, però, aggiunge: “La bontà della ricostruzione dipenderà in grande misura dal grado di sinergia che si verrà a creare fra i professionisti, le istituzioni e i privati cittadini, in particolare i comuni dovranno essere protagonisti, con l’appoggio della Regione, della fase istruttoria”. “Se funziona il lavoro di squadra l’iter è più veloce – ha concluso la Marini – e già dalle prossime settimane ci aspettiamo che si possa entrare in una fase di avvio, specie per le case meno lesionate, mentre per quelle che necessitano di una ristrutturazione pesante dovremo necessariamente attendere tempi medi o medio-lunghi”.

 

Related Posts

La Befana vien di giorno… Successo dell’evento in piazza Garibaldi. FOTOGALLERY
La magia del presepe di ghiaccio incanta Spoleto. FOTOGALLERY
Corso di scrittura creativa, aperte le iscrizioni

Lascia un commento