Si è spento Virgilio Massani, con lui se ne va una Spoleto in bianco e nero che aveva saputo fermare nei suoi scatti. FOTOGALLERY

Le gambe non lo sorreggevano più da anni, ma il suo spirito non era mai invecchiato e fino all’ultimo ha macinato progetti da realizzare come il sogno di una mostra permanente delle sue foto fruibile al grande pubblico e un’antologica della sua produzione di migliaia di scatti stipati nel suo archivio affollato di tributi e testimonianze. Si è spento Virgilio Massani, uno degli ultimi testimoni della grande fotografia del Novecento, allievo di maestri come Giacomelli e Dondero, poeta dell’immagine, artista del ritratto. Di lui ci restano gli scatti che immortalano una Spoleto in bianco e nero che non c’è più fatta di frammenti dei primi Festival, ma soprattutto di personaggi spoletini che proprio grazie a lui ‘sopravvivono’ sfidando il tempo.

A seguire, alcune delle sue foto ‘capolavoro’ tratte dal libro “Ritratti in bianco e nero” edito dall’associazione Carta Bianca:

Related Posts

“Spoleto d’inverno” porta in città grandi nomi del cinema e della letteratura
Spoleto riscopre la sua anima longobarda
Vaporetti, il regolamento della gara è online

Lascia un commento