Torna a Scheggino domenica 28 ‘La Quarta’ con “Facciamo il pane”, il circo delle pulci, saltimbanchi e street food

Ritorna domenica 28 maggio l’atteso appuntamento con “La Quarta di Scheggino”, la mostra-mercato di prodotti eno-gastronomici di eccellenza, antichi mestieri e artigianato che stavolta si presenterà in buona compagnia, con un pacchetto di eventi e proposte per tutti i gusti e ‘palati’. Oltre ai consueti stand di prodotti tipici e ‘bio’ del contadino a chilometro zero e alle bancarelle con creazioni artistiche e manufatti artigianali, chi andrà a Scheggino domenica prossima troverà uno spettacolo nello spettacolo, nel segno delle buone tradizioni di una volta e dell’intrattenimento per grandi e piccoli. Fra le novità, segnaliamo l’iniziativa ‘Facciamo il pane’, un laboratorio di panificazione, a cura di Carla Chiuppi del presidio Slow Food, al quale potrà partecipare chiunque voglia imparare a fare il pane, cimentandosi con il lievito madre e la selezione dei vari tipi di farine. Non va dimenticato che in Umbria l’usanza del pane fatto in casa si è protratta ben oltre la metà del Novecento, soprattutto nella tradizione rurale, tramandando un’antica pratica domestica adottata dalle massaie contadine, a partire dalla lievitazione naturale attraverso la madre, ossia quella parte d’impasto che veniva conservato e lasciato fermentare fino alla successiva panificazione che, in genere, avveniva dopo una o due settimane. Non c’è borgo senza uno o più forni a legna, anticamente in comune, molti ancora ben funzionanti. Ed è talmente radicata in Umbria la cultura del pane che i nostri nonni la traducevano in proverbi per sintetizzare gocce di saggezza: “Sotto acqua fame, sotto neve pane” o “Pane di bon grano tiene il medico lontano“. In Umbria, il pane è generalmente sciapo, sia perché la natura interna e montana del territorio, lontano dal mare e quindi dalle ‘saline’, ha reso difficile e costoso nei secoli l’approvvigionamento del sale sia perché si sposa meglio ai salumi particolarmente saporiti e, inoltre, troppo sale ostacola l’attività del lievito naturale utilizzato per la preparazione dell’impasto, che ha bisogno di un tempo più lungo di fermentazione. Che c’è di meglio, quindi, che riscoprire il gusto del pane fatto in casa, oggi come una volta? Il costo del laboratorio è di € 10,00 per un massimo di 20 partecipanti  (per prenotare tel. 348.7832179 Elisabetta).

Inoltre, i ristoranti del borgo che espongono il marchio “La Quarta” proporranno degustazioni all’insegna dello street food’, cibo da strada per un pranzo da asporto a base di tipicità locali, a soli 10 euro. Nel pomeriggio, dalle 15 alle 16, si terrà per i più piccoli “Il Circo delle Pulci”, uno spazio dedicato al gioco per bambini dai 3 anni in su. A partire dalle 16, oltre all’avvio di ‘Facciamo il pane’ fra le 16 e le 18, le strade di Scheggino si riempiranno di artisti di strada, circensi, saltimbanchi e giocolieri che trasformeranno il paese in un circo a cielo aperto per una domenica di festa in questo magico scampolo di Valnerina. (c.c.)

Foto di Emanuele Persiani, tratta dal seguente link:

Il 28 maggio a Scheggino ritorna la Quarta Domenica

Related Posts

Il pane umbro è sciapo, ecco perché
Fine settimana a Scheggino all’insegna dell”Oro Bianco’, domenica 28 bruschetta al tartufo da Guinness
Un paese buono come il pane

Lascia un commento